Tutti uguali?

La giornata di ieri è stata caratterizzata da tre notizie surreali.
Il presunto attentato a Belpietro.
I due video di Berlusconi che in uno delira contro la Magistratura e gli ebrei e in un altro racconta barzellette su Rosy Bindi con bestemmiona finale.
Il messaggio di Bin Laden che, invece della fine dolorosa della civiltà occidentale, per una volta ha a cuore l’ambiente e il senso civico.
La mia simpatia va, come potete immaginare, al presunto attentatore (ammesso che esista), alla Bindi (come sempre) e, new entry, a Bin Laden, che almeno ieri ci ha regalato qualche scorcio di politica vera.

Comunque giornata ricca che segue altre due giornate ricche, con pennica, alla Camera e al Senato. Quando ci sono giornate ricche come queste, se ho tempo, me ne vado a fare un giro su Spazio Azzurro a vedere (in teoria) cosa dice la pancia del PdL, cioè la pancia della pancia del Paese.

Ovviamente, la pancia della pancia è un po’ fuori sync e continua a parlare di traditori, di case a Montecarlo, di accuse gravissime di cui Fini dovrà rispondere, oltre al solito vivamaria di “Forza Silvio” e “Silvio resisti”.

Però, ammettendo che questi sorcini della democrazia effettivamente esistano (e che quindi non ci sia un promotore della libertà che si autoinvia sms sgrammaticati) e fermo restando il principio “una testa (?!) un voto”, mi domando: “In cosa io sono uguale a questi?”

Post simili a questo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.