Archivi tag: libri

Risorse (in)finite

Funniest-Life-Is-Too-Short-Quotes-0031-550x574

Di solito, messo davanti ad un lista di libri potenzialmente da leggere, la ho sempre divisa in due categorie: le cose da leggere e da ottenere in qualche modo e le cose che è inutile propormi perché non le leggerò mai (le scrittrici donne, per esempio).

Questo è un periodo particolare – per l’arrivo di Gemma, certo, ma anche per altre cose – e mi sento particolarmente piccolo e malinconico. Rifletto sulla vita, su me stesso, sulla situazione in cui mi trovo e da cui vorrei uscire in qualche modo e mi vengono strani pensieri. Di base, sto invecchiando e questo rema contro la già di per sé velleitaria voglia di palingenesi. read more

C’è qualcosa che non va…

?!?!?

Oggi nella posta mi è arrivata questa mail di Amazon che mi informa che tra due mesi (?!) sarà disponibile il nuovo romanzo di Michael Connelly (Amazon sa che a me Connelly piace). Mi sembra però che il differenziale di prezzo fra l’edizione cartacea (copertina dura!) e quella digitale sia assolutamente fuori dal mondo. Tanto più, aggiungo, se si pensa che non si tratta di un romanzo “vecchio” sul quale Amazon si sarà dovuta pure sbattere un po’ per digitalizzarlo, ma di qualcosa scritto ora da uno scrittore decisamente paraculo da questo punto di vista. E aggiungo anche (e poi basta) fruibile soltanto su un hardware proprietario che a sua volta comporta un esborso verso Amazon. read more

Top faiv

Jestercap72 - Lista BOL

Su BOL ci sta questa iniziativa: metti i tuoi 5 libri preferiti e loro ne regaleranno un po’ fra i più votati a un po’ di scuole in un po’ di posti d’Italia. Per quello che vale questa è la mia lista. Non so se sono proprio i primi 5 , ma sono quelli che mi sono venuti in mente più velocemente.

E anche che questo è un signor criterio. Ou pas?

A proposito di carrellate (Patria 1978-2008)

patria

Una cavalcata dal rapimento Moro all’ultima vittoria di Berlusconi in cui per ogni anno c’è un’antologia dei fatti, noti e meno noti, e di testimonianze dell’epoca (articoli, interventi parlamentari, brani letterari e musicali, ricordi personali) che cercano di ricreare lo zeitgeist.

Sono anni che ho vissuto e in cui, diversamente dal solito, ero già abbastanza grande per capire cosa stava succedendo. Pensavo di conoscerli abbastanza bene e il libro non mi ha smentito. read more

Ancora di cose auree

Aurea

Ho finito oggi il libricino, cui mi riferivo qui.
La sezione aurea in tutte le sue declinazioni (rettangoli, triangoli, numeri, rapporti, ecc.) è stata, ovviamente, una scusa per parlare di teoria dei numeri, di storia della matematica, di arte, di estetica e di filosofia.

L’autore per tutto il libro non ne ha mai fatto mistero, conscio che parlare per 400 pagine di un numero solo, per quanto affascinante, sarebbe stato difficile sia per lui che per noi.
Oltre a questo, bisogna dare atto a Mario Livio che non si è legato alla schiera dei numerologi aurei più o meno da strapazzo che vedono questo benedetto numero phi in ogni cosa, dal volo delle api, alle piramidi d’Egitto, dalla fronte della Gioconda, alla tessera del Bancomat.
Dopotutto, se da un lato, un banale rettangolo 5×3 è quasi aureo e sono in grado di farlo anche i bambini sulla carta a quadretti, dall’altro, le capacità matematiche e tecniche di misura degli egizi o di altri popoli antichi non erano tali da riprodurre con consapevole precisione un numero irrazionale, che comunque assomiglia molto a 5/3…
Ciò detto, vi lascio con altre due chicche matematiche, scoperte (queste sì, le altre più o meno le conoscevo già) durante la lettura. read more