Archivi tag: costa concordia

Semi-agorafobo

Stasera, guardando Vespa col suo plastico navale (piccolino, raffazzonato e soprattutto rivolto dalla parte sbagliata), ho capito una cosa.

Ho capito perché non me la sono sentita (finora) di parlare dei passeggeri della nave. Non per rispetto dei morti, figuriamoci. Ma perché nella mia testa si era creata una specie di equilibrio fra due pensieri contrastanti uno acido e cattivo, inspirato dal diavoletto, e un altro più solidale ed empatico suggerito da quel che rimane dell’angioletto (che, anche se fa una vita di merda, ancora batte un colpo ogni tanto). read more

Inchinarella

Inchinata è inchinata.

Due sassolini residui sul naufragio della Costa Concordia.

Girano su youtube, ne parla oggi Gilioli e ce n’era uno pure su repubblica.it diversi video di cosiddetti inchini di grosse navi (ovviamente da crociera, perché le altre grosso modo stanno lavorando e sono meno evocative) a isole, isolotti, faraglioni e paesi natali di capitani e ciurma varia. In realtà, anche se le immagini dello stato attuale della Costa Concordia possono essere ingannevoli,

ho scoperto che non si tratta di veri inchini, ma solo un passaggio radente e tre (indimenticabili, commoventi, imprescindibili) fischi di sirena. Figata, no? read more

Yo no soy marinero, soy capitan

Oggi su Twitter impazzavano gli hashtag #defalco e #vadaabordocazzo. A me sembra che si stia un po’ esagerando. Schettino è indifendibile e ogni notizia nuova che si viene a sapere lui ne esce sempre peggio. Su questo è già stato scritto tutto e non mi va di perderci tempo: non capita spesso di avere un capro espiatorio così evidente, così singolo, così solo e così “colpevole”, almeno allo stato attuale.

Rimanendo ancora un momento su Schettino, però, vorrei sommessamente far notare che il gigantismo del disastro, nella forza icastica di quella nave adagiata sugli scogli, così visibile, così surreale e – diciamolo così ridicola dritta o sdraiata che fosse – ha contribuito all’idea del “disastro” e, di conseguenza, della colpa, molto più di qualsiasi body count. read more