Archivi tag: charlton heston

Backfire

Avevo già raccontato più volte tempo fa di come rimasi colpito dall’inadeguatezza di Charlton Heston alla fine di Bowling for Columbine. Lì Charlton era un personaggio pubblico, frontman di un’organizzazione potente quanto controversa, e Michael Moore – bastardo quanto vi pare – gli stava ponendo domande su quello che sarebbe dovuto essere l’ABC del suo ruolo; eppure, scena muta, balbettii, frasi che gli si potevano ritorcere facilmente contro. Rilevavo, allora, che in Italia, almeno a un certo livello, una cosa del genere non sarebbe mai potuta succedere. Qui da noi, i personaggi pubblici, soprattutto quelli che hanno qualcosa da nascondere, sono innanzitutto degli ottimi polemisti: è difficile metterli in difficoltà, hanno sempre una risposta pronta e preparata (al punto da sembrare convincente se non gli si dedica una seconda riflessione) e, alle brutte, sono bravissimi a buttarla in caciara. read more

Back to Charlton

Chi ci ripensa è cornuto (peut-être), ma settimane fa avevo scritto di Fede, del bunga bunga, di Charlton Heston e del difendere l’indifendibile.

Lì parlavo dell’ingenuità degli americani e della loro “difficoltà a mentire” a fronte di domande scomode, fino al silenzio sbavante di Charlton davanti a Michael Moore.

C’ho un po’ ripensato, appunto, complice anche l’avvitamento dei talk show sulle faccende pelose di  B.

E se Charlton e i suoi omologhi compaesani stessero (anche) su questo punto molto più avanti di noi, anziché indietro come implicitamente ventilavo? read more