Prima di dire cazzate, contare fino a dieci

Ora, tutto è possibile nella società globale, ma cosa sappiamo noi della Norvegia per essere così certi che la bomba e quel che ne è seguito siano opera di Al Qaida? Io penso che prima di fare affermazioni del genere e spararle a nove colonne, bisognerebbe pensarci bene e, anche se è un venerdì d’estate, rinunciare a chiudere il giornale alle cinque del pomeriggio. A maggior ragione, quando le notizie che arrivano sono le stesse, uguali e ugualmente frammentarie per tutti. Cialtroni, come sempre.

Fosse colpa di Veltroni?

Quale guerra? E non si rinuncia a un po' di splatter...

Sempre loro, sempre Fiamma Nirenstein... (che palle)

Oltre a doversi mordere la lingua certe volte, cosa che richiede una certa intelligenza (quindi, vabbè…), io penso che quando capita di fare affermazioni contro-intuitive – e, a me, parlare di attacco di Al Qaida in Norvegia, questo pare -, bisogna anche corroborare tali affermazioni con prove e altre informazioni che l’interlocutore non può avere, cosa che poi sarebbe il core business di chi fa i giornali. Questo, visto che giornalisti e lettori prendono le informazioni così come arrivano (alla cazzo di cane) dalle stesse fonti – twitter, facebook, youtube, agenzie, millantate testimonianze oculari – la strategia giusta per la prima pagina di oggi sarebbe stata quella di tenersi sulle generali e lasciare tutte le ipotesi aperte… O magari partire per il mare un’ora più tardi, rischiando di trovare un po’ di traffico.

Un po’ come il mio amico che una volta, fresco fresco, ha affermato “Il Tiramisù più buono d’Italia lo fanno a Terni“, lasciandoci basiti-F4: magari è vero, ma visto che questa cosa la sai solo tu ed è piuttosto controintuitiva, se ce la dici con questa sicumera e senza metterci qualche informazione in più vicino, sembri ridicolo.

Post simili a questo

2 pensieri su “Prima di dire cazzate, contare fino a dieci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.