(CH3)2CHCH=CH(CH2)4CONHCH2C6H3-4-(OH)-3-(OCH3))

Forse è di dominio pubblico e solo io non lo sapevo, oggi ho scoperto la Scala di Scoville.
Essa ha la funzione – fondamentale – di dare una misura alla piccantezza dei peperoncini. Attenzione, solo dei peperoncini, perché ad esempio altre cose piccanti tipo il wasabi, non sono contemplati nella scala, perché il principio attivo di piccantezza è diverso. Come potete verificare anche qui (oltre che ingerendoli per sbaglio).

Si tratta infatti, per il wasabi, dell’isotiocianato, mentre per il peperoncino della capsaicina.
E infatti in cima alla scala di Scoville c’è proprio la la capsaicina pura  (16 milioni di unità Scoville, SU) con un potere piccante-irritante pari a ben 8 volte lo spray al peperoncino “comune” e a 3 volte lo spray al peperoncino “della Polizia”.
Tra le varianti più naturali, invece, (s)piccano:

  • l’African birdseye (225.000 SU, noto anche come “piripiri”, “pilipili”, “African Devil”) – piripiri, un cazzo (n.d.j.)
  • l’Habanero Red Savina (580.000 Scoville, che era pure nel Guinness dei primati)
  • il Naga Morich (che con oltre 1.000.000 SU, gli ha rubato il posto nel Guinness)

Manca, però, il peggiore di tutti: il Klamath Falls Waldo’s Ultimate Chili.

Interessante, no? Vi ci metto pure una bella foto della capsaicina.
Capsaicina

 

Update 14/01/2013: Guida minima su Il Post.

Post simili a questo

2 pensieri su “(CH3)2CHCH=CH(CH2)4CONHCH2C6H3-4-(OH)-3-(OCH3))

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.