Yamaha MT09 Tracer, sei mesi dopo

Le mie considerazioni dopo 5000 km di utilizzo invernale della Yamaha MT09 Tracer. (Non è una recensione, è quello che penso io di alcuni aspetti della moto e del modo in cui se ne parla in giro. La moto mi piace molto, nel complesso. Lo scrivo a a scanso di equivoci. Il primo articolo, la vera recensione, era qui).

  1. Il bauletto, su questa moto, è un orrore. Anche solo la piastra è orripilante e ne distrugge la linea. Io finora ho usato il bauletto due volte in totale e sto pensando di smontare anche la piastra.
    Jpeg

    ‘Nammerda

  2. Pare che non si possa possedere una Tracer senza essere presi da una fregola implacabile di cambiare il parabrezza di serie. Tutti lo vogliono più grosso, più coprente, più protettivo. Dovevate comprarvi un vespone.
    3126A

    Madonna che silenzio c’è stasera…

  3. Le sospensioni, il mono in particolare, non sono granché. Io lo rilevo principalmente con il passeggero e sto valutando di metterci sopra qualcosa di un po’ più robusto. (L’abbiamo fatto!) Ma…
  4. Per prima cosa bisogna cambiare le gomme. Le Dunlop 222 di serie sono due caciotte di terz’ordine che la Yamaha deve aver comprato sottobanco da qualche trafficante di container cinesi in mezzo all’Oceano Indiano. Sono ignobili e saranno cambiate a primavera, nonostante di gomma ce ne sia ancora, ma si sa che l’erba cattiva non muore mai.
  5. La luce a terra di questa moto è ridicola. Ad ogni marciapiede gratta sotto, ad ogni cunetta/dosso, idem. Un giorno ci lascio la marmitta. (Qualcuno su Facebook, mi ha scritto che “non si va sui marciapiedi con la moto”. Certo).
  6. In virtù dei punti precedenti, non mi sembra una moto turistica. E’ sicuramente polivalente e “dotata”, ma il turismo è un’altra cosa e non è detto che sia una cosa “divertente” a prescindere. Poi vabbè, c’è gente che monta le borse pure per il giretto domenicale, solo perché ce l’ha e “il bauletto è comodo per tenerci il casco (soprattutto se non hai le mani, n.d.j.)”…
  7. Intermezzo: regola aurea. Se sentite il bisogno di BMW-izzare una moto, compratevi la BMW. La vendono. Anche a voi.
  8. Borse, borsette, portanavigatori, portatelepass (irrinunciabile), manopole riscaldate, vedi punto 7.
  9. Punto a parte per i faretti supplementari. Oltre a valere sempre la regola aurea (punto 7), mi domando: ma tutti ‘sti giri di notte, quando li fate? Se vi sorprende la notte in mezzo alla strada, tornate a casa, piano piano, come fanno tutti (tranne Will Smith in Io sono Leggenda). Non è che se uno monta i faretti, improvvisamente acquista un senso andare in giro in moto di notte. La Tracer, tra l’altro, ha degli ottimi fari “di serie”, come chiunque ci giri di notte davvero, può rendersene conto.
  10. Il manubrio è largo (bene), però troppo (male). Nel traffico di Roma mi sento troppo ingombrante, non riesco a passare nei pertugi dove prima passavo anche senza prendere la mira. Inoltre, è anche *inutilmente* largo: le mani, infatti, non poggiano agli estremi della barra, perché altrimenti non si riuscirebbero toccare leve e blocchetti.
  11. Le tre mappe sono fichissime. Soprattutto la B per chi, come me, se ne frega della pioggia.
  12. Su Aliexpress.com (che poi è dove la Yamaha ha comprato le gomme) c’è una quantità di accessori a prezzi popolari. Io in generale non li amo, ma per quello che costano, qualcuno l’ho ordinato. Mo vediamo se lo monto (e se arriva, soprattutto).
    Jpeg

    Quel coso blu, là davanti, l’ho montato

Post simili a questo

Rispondi

  1. Pingback: Ho provato la BMW S1000XR - Il cappello del giullare

  2. Ho letto con molto interesse (ed ilarità) il tuo pensiero e le tue riflessioni condividendo praticamente tutto. Io stavo pensando di fare lo stesso passaggio da 990 smt abs con Tracer 900 per più motivi. L’smt è una gran moto ignorante e molto libidinosa ma da quando l’ho presa ha sempre avuto piccole e grandi magagne abbastanza fastidiose (cosa che con le precedenti jap non ho mai avuto) ed usandola tutti i giorni ho bisogno di una moto su cui non andare in paranoia. Ma ammetto che è difficile scegliere, oltre che per il fattore economico, per il piacere di guida che da l’smt. Ma la Tracer 900 è veramente bella, cattiva, comunque con quella dose di ignoranza da poter appagare i momenti di pura guida e stupidera ma nel contenpo di poter esser utilizzata tutti giorni della anche in città. Se hai qualche suggerimento o voglia di chiedere altro scrivimi pure. Grazie per i post

    • Mah, guarda, Riccardo, io la SMT non la rimpiango. Tra l’altro io in 50k km non ho avuto praticamente nessuno dei problemi di cui si parla in giro. Manutenzione regolare, piccole prevenzioni e utilizzo quotidiano (tra l’altro credo che la mancanza di quest’ultimo aspetto, sia la causa della maggior parte delle sfighe su qualsiasi moto). Ciò detto, la SMT era più rigorosa e meno ballerina, ma, a mio avviso, ha meno motore e consuma come un tank. In estrema sintesi, ktm l’ha tolta dal catalogo e lasciata senza eredi (sensati), la Yamaha ha fatto una moto ne occupa abbastanza bene la nicchia (al netto delle puzze sotto al naso di qualcuno) a un prezzo eccezionale. Per me vai tranquillo.

      • io purtroppo ho dovuto cambiare il corpo farfallato dopo aver sostituito prima i singoli pezzi che dicevano sui forum. Quindi raffica di bestemmie e soldi. Poi un sensore dell’aria, poi il cavalletto centrale che si lascia andare rischiando di vedere la moto a terra di schianto (fortunatamente avevo accanto un muro). Tante piccole cose che con le moto precedenti (e 150mila km) non avevo mai avuto cos’ spesso. Per non parlare del consumo, io oltre i 15 non son mai riuscito ad andare. Purtroppo la smt da tanto ma deve essere trattata con i guanti e concordo con te che con la tracer la yamaha ha azzeccato tutto, bel mezzo, bel motore e ottimo prezzo. Ora anch’io sono arrivato quasi a 50mila km e se ad ottobre me la valutano bene potrei fare il salto (ma sto pensando anche alla 700 per come uso ora la moto)

      • Gentilissimo,
        per quanto riguarda gli pneumatici metzeler M7rr mi potresti indicare la pressione che hai tu?
        2,9 al posteriore viaggiando da solo con 70kg di peso mi sembra un po’ tanto!!!
        Grazie mille
        Saluti
        DavX

  3. simpaticissima è sorprendente efficace la tua descrizione della tracer….Non mi piace molto l estetica ma da come descrivi il rendimento del motore mi vengono le fregole di possederla…..Ho avuto un KTM in un recente passato ,Duke 690, moto divertentissima e delinquente, ma abituato alla manutenzione
    zero delle jap ,la KTM aveva troppa necessità di officina e l ho venduta. Ora da 14 anni possessore di un Cb 1300 Honda che porta benissimo i suoi 100000 km,e che terrò, vorrei affiancarla alla Yamaha tracer che spero confermi ,oggi,nelle prestazioni e poca necessità di manutenzione. Grazie. Gian Luigi

  4. Pingback: Giotek experience - Il cappello del giullare

  5. Pingback: Ho provato la Yamaha Tracer - Il cappello del giullare