Una terza via proprio no, eh?

Pauperism

Oggi c’era questo commento alla vignetta di Makkox su Il Post, la prima su Crimi. (Che sarà pure “nuovo”, ma va detto che si presta molto alla presa per il culo).

Come fu fatto notare alla radio, [i parlamentari  5 stelle] sono tutte persone “comuni” di fascia medio-bassa, che guadagnavano stipendi normali. Ora si trovano all’improvviso a 5000€ lordi più indennizzi vari. Ma davvero ci aspettiamo che tornino alle loro vite (economiche) di prima? Oppure quando grillo chiederà di lasciare si rifiuteranno  magari passando ad altri schieramenti e ci ritroveremo nuovi 160 parassiti da mantenere? read more

E fatevela ‘na risata…

activia

In questi giorni, ve ne sarete accorti, sono un attento osservatore antropologico dei grillini e delle loro manifestazioni telematiche. Mi leggo i post di Crimi, per dire. E mi leggo, un po’ con il pilota automatico, anche i commenti che, in qualsiasi thread a favore o contro il Movimento, i peones pentastellati scrivono qua e là. L’effetto complessivo è deprimente: la familiarità con l’italiano à la bimbominkia, l’attitudine al ragionamento articolato à la Hulk, il revanscismo pappapperista da ultrà di provincia e la vis polemica da suffragetta pitbull berlusconiana che deve fare pipì… read more

Inciuciami il calzino

I grillini: “Siamo vittime dell’assedio dei media”. Il movimento pòre stelle. (Spinoza)

Tirando qualche somma dopo un paio di settimane di osservazione entomologica, c’è più di un leit motiv che emerge dalle gesta di questi esponenti a Cinque Stelle.

Innanzitutto, tutti gli episodi per cui sono stati messi in mezzo (“crocifissi” direbbero loro, in quanto nuovi Messia) sono episodi (dichiarazioni, uscite su facebook, ecc.) o obbligati, tipo l’arrampicata sugli specchi di Crimi dopo il voto al Senato o assolutamente gratuiti, tipo l’uscita della Rostellato sulla Bindi e la fola non verificata dello scouting di Vendola, rivelatosi poi uno scherzo telefonico. read more