Sabato 8 gennaio 2011 – Guazza

Era la prima volta da un sacco di tempo che si ricomponeva il trio monnezza (fame sonno e debolezza, come dice Jedan). Non ho partecipato all’organizzazione e infatti si parte addirittura dal (non) casello di Santa Severa a ben 50 km da casa. Vabbè che Jedan, ragazzetto di Roma sud, se li fa tutte le altre volte, ma Santa Severa uguale Tolfa (ed io Tolfa la odio, troppi assatanati e poi piove sempre). Stavolta non piove e non ci sono assatanati, ma, in compenso, la strada a salire è molto peggiore di come la ricordassi: piena di buche e affollata di macchine di cacciatori dietro ogni curva. Il cielo inoltre è plumbeo (e lo sarà per buona parte della giornata) e le strade sono sempre umide e spesso proprio bagnate. Passo lento e si va. read more

A corto di argomenti?

Non saprei.
Rimane che sto embeddando e rilanciando molto e scrivendo un po’ poco.
Motivi, come al solito, ce ne sono , ma nessuno riesce ad essere più importante degli altri.

Le cose che ho pubblicato in questi giorni le avrei pubblicate comunque, perché mi piacciono e le trovo piacevoli e interessanti e buone da condividere. Ma di argomenti ce ne sarebbero parecchi. Ad esempio ieri, ad Anno Zero, cercavo, in maglietta gialla, un mio amico, assiduo del blog, e proprio mentre rosicavo dicendomi “Ci deve essere, è pure belloccio, perché non lo inquadrano?” la telecamera si è fermata per una trentina di secondi buoni sul faccione di un mio ex-compagno di classe del liceo, nonostante fosse decisamente meno televisivo, ma evidentemente in crisi pure lui. Max solidarietà a tutti e due, ché quando si finisce ad Anno Zero non è buon segno. read more

Back in orange

La moto è stata rimessa in sesto. C’è ancora più di qualche graffio, ma lo metteremo a posto quando l’assicurazione deciderà quanti soldi darmi. In compenso, il Wendigo cammina, va dritto ed è pure tagliandato. Forse c’è solo da rivedere il setting dell’anteriore che, dopo gli interventi, trovo un filo più leggero e “rimbalzino” di quanto fosse prima…

Sabato di sole, si va. Dopo un lungo letargo (in parte forzato, in parte no), con decidiamo di fare un giro classico, già fatto milioni di altre volte, giusto per riprenderci la mano, in attesa degli appuntamenti primavera-estate 2010. read more

Scampoli d’estate

Giretto senza pretese con il buon Bnb.

Strade solite, non ve le elenco nemmeno, le vedete da voi.
Con due notevoli eccezioni.
La prima è la starda che va da Todi a Orvieto, passando a nord del Lago di Corbara: un origami di curve senza un solo pezzo dritto per una 30ina di km. L’avevamo fatta, nell’altro verso, nel lontano duemilacinque ed eravamo arrivati a Todi stressatissimi dalla lunghezza e dalla faticosità di tutte quelle curve e controcurve… E avevamo detto: “Mai più”. Mai dire mai e oggi infatti, appena vistoil bivio per Prodo abbiamo imboccato e con qualche decina di migliaia di km in più nelle braccia, ce la siamo fatta in scioltezza… Ha un solo difetto: è alternativa ad una delle strada più fiche del circondario (quella che passa a Sud), ma, una volta ogni quattro anni, per cambiare, va bene. read more

9 passi/2 (Post di servizio)

1° giorno

Giro primo giorno.

2° giorno

Giro secondo giorno

3° giorno

Giro del terzo giorno.

9 passi/1