I miei due cent su pirateria e affini

La settimana scorsa quando io ero in ferie e quindi lontano dal blog, c’è stata la mobilitazione della blogosfera italiana contro le norme che avrebbero investito l’AGCom (chi era costei?) del diritto di fare il bello e il cattivo tempo in sede puramente amministrativa, quindi senza processo, riguardo a siti e blog in odore di violare il diritto d’autore. Poi la faccenda è andata un po’ avanti, ma neanche tanto.

Dare questo tipo di poteri da extraordinary rendition all’AGCom (che non è un’autority, in quanto frequentata da vecchioni che poco sanno e molto sentenziano, né tantomeno garante di alcunché in quanto emanazione diretta e succube di un potere politico televisionaro) è davvero preoccupante e desolante, non tanto per la cosa in sé, quanto per la discrezionalità potenzialmente antidemocratica che la negazione di un regolare processo darebbe a quest’organo tutt’altro che indipendente. read more