Arretrati

In questo periodo non sto facendo giri memorabili, ma in moto ci vado. Ecco gli ultimi due.

Domenica 20 Marzo 2011 – (Don’t go) Back to Rocchette (mappa)

Domenica 27 Marzo 2011 – No, la Tiburtina no. (mappa)

Domenica 9.5.2010 – Giretto

Giretto da solo. Moto ballerina, fermato a un posto di blocco e punto da un’ape tornando.

Eppure la giornata era talmente bella che non me ne è fregato niente e sono andato micio micio, moderatamente felice, nonostante tutto.

La moto ballerina l’ho rimessa a posto in serata, ho regolato i registri della forcella ed ora è una roccia. Al posto di blocco i Caramba sono stati molto gentili e tranquilli e per la puntura dell’ape nemmeno mi sono fermato.

Il problema come al solito sono i milioni di autovelox su quella cazzo di Tiburtina. In particolare, segnalo gli infami vigili urbani di Arsoli (o Cervara? Boh, sempre infami), messi con la macchina dietro il cespuglio con ugualmente infrattato un autovelox che beccava ambedue i sensi di marcia. Forse mi hanno beccato a 58 all’andata. Stronzi.

read more

Il giro della merla

Giretto senza pretese, ma la giornata meritava davvero. Fresca ma non fredda, un sole tiepido, strade decisamente pulite. E sopratutto  le previsioni meteo dicevano esattamente questo. Punta dal forum, siamo in quattro all’inizio della Tiburtina: Ste, Denny, Papen ed io. Bnb, anche prima di lasciare la moto in piedi e trovarla sdraiata sabato sera (stronzi!), aveva dato forfait: “Fa freddo, nun me va, Livata? Siete matti!“… Vabbè. Si parte per la Contro-Tiburtina e si arriva a Tivoli, giusto in tempo per un caffè. Si prende l’Empolitana, Cerreto, Rocca Canterano, Subiaco. Si va pianino, sono stradine, anche un po’ bagnaticcie, ma ci siamo solo noi e la campagna è particolarmente selvaggia. Si spunta sulla Subalcense e si va a Subiaco. Il sole scalda e si tenta l’impresa, puntando dritti verso Livata. A mezza costa, però, la neve è alta e soprattutto sta sulla strada. Quindi una foto per immortalare il momento

read more

Domenica 3 Maggio 2009 – Senza pretese

Bella giornata, forse un po’ ventosa.

Obiettivo minimo, ma importante.
Passo turistico, almeno all’andata, dopo aver verificato che non c’erano agguati lungo la strada.

Niente di più, niente di meno. Una bella mattinata. Qui la mappa.

Domenica 9 Novembre 2008 – Piccolo trotto

Giretto estemporaneo. Sta diventando un’abitudine.

Punta alle 9 con Babbaluci in notevole spolvero (otto: Denny, Ste, Poldo, Uly, Lanti, Murdock, Bnb ed io).
Ma prima c’era già stato un siparietto a Colli Aniene con un barista molto simpatico che durante la colazione mi ha fatto il terzo grado e voleva sapere di tutto sul Wendigo. Eh, lo so… Quando uno c’ha la moto fica…

Insomma, baci e bacetti e si parte, autostrada ad andatura codice e si esce a Vicovaro. Mi metto il Buff, perché il wind stopper è comodo e bello (e arancione), ma se poco poco entra uno spiffero, tipo dal collo, non esce più e fa l’effetto Mr. Freeze (che è il contrario dell’effetto Dr. Gibaud)..

read more

Domenica 30.03.2008 – Raid ienesco nel basso Lazio

Pelo, pelo.

L’uscita ienesca in programma per il mese di Marzo è arrivata proprio all’ultimo giorno utile…
E’ valsa proprio la pena. Oltre alla compagnia, la giornata di oggi aveva ben due assi nella manica: il sole, davvero primaverile, e, finalmente, l’ora legale: finalmente si può usare anche il pomeriggio (anzi il dopopranzo…) per farsi due curve, senza dover scappare a casa, pena l’assideramento quando calava il sole.

Appuntamento all’alba, alle 9.00 (che poi sarebbero le 8.00 ), Anagnina altezza raccordo. Bnb ha la moto che piscia acqua (e poi pure olio) e se ne torna a casa con le pive nel sacco. Speriamo bene.
Chi rimane (Wolf, Fonzie, Ulysse, Denny.key, Freeblue, Poldo, Ste), ben 8 moto, prende la Tuscolana e punta su Artena, poi il delirante attraversamento di Colleferro, quindi si inizia uno dei grandi classici del basso Lazio, la SS 609 Carpinetana. Montelanico, Carpineto, Maenza. Ci avveleniamo in un toboga di curve e controcurve, fino a Priverno, dove la Bonifica Pontina“la campagna più brutta che io abbia mai visto” afferma la fida – ci attende con le sue strade dritte, trafficate e inutili. Si arriva a Fondi e conosco, davanti alla sua tabaccheria, una iena decentrata di cui avevo solo sentito parlare.

read more