Fascio a me?

Questo post ce l’avevo in canna da tempo.

Tempo fa, un amico su Facebook, in risposta questo post (abbastanza profetico, tra l’altro), mi dava del “fascista”. Me lo dava, va detto/voglio sperare, per amor di polemica, visto che io davo del “fascista” al suo (più o meno) Grillo.

Cambio di inquadratura. Paolo Di Canio diventa allenatore del Sunderland e David Miliband, esponente di spicco del Partito Laburista inglese, si dimette dal consiglio di amministrazione di quella società calcistica, con questo comunicato (molto civile, secondo me): read more

Cristo si è fermato a Eboli – 25 anni dopo

Di solito, non rileggo i libri che ho già letto, ma temo che, dopo aver riletto “Cristo si è fermato a Eboli” sull’onda del saggio di Banfield sul familismo amorale, dovrò cominciare a rivedere questa mia posizione.
Libri del genere suscitano tante e tali riflessioni che davvero non si sa da dove partire. Riflessioni sulla lettera del libro, sul modo in cui è scritto, sulla lingua che usa, sui personaggi che lo popolano, sulla cultura che rappresenta, ma anche sul perché leggere i cosiddetti classici, sulla letteratura, sulla lettura della narrativa in un contesto scolastico e sulle vulgate ideologiche che si addensano probabilisticamente intorno a queste opere gigantesche. read more