Due parole sulla privacy e sul registro delle opposizioni

Tra le varie e disparate cose che mi capita di fare al lavoro, c’è anche quella di essere al centro, insieme a qualche collega, di tutte le discussioni, le analisi e le decisioni che riguardano il tema della Privacy. Di questo tema, sempre caldo (ma mai bollente, fateci caso), si sente parlare continuamente e spesso a sproposito. Tutti si appellano alla privacy (propria) alla prima occasione, ma tutte le volte che se ne sente parlare in televisione si parla sempre di casi eclatanti, di abusi esagerati, di situazioni in cui si potrebbero configurare ben altri reati. La privacy nella vita di tutti i giorni, nella vita delle persone comuni rimane qualcosa di indistinto e pertanto abusabile e abusato, sia dai colpevoli che dalle vittime. read more