3 Comments

  1. Jedan58No Gravatar said:

    Credo che Firenze sia la città più afflitta dalla presenza di autovelox, da numerosi anni. E non sono finti. Sono ovunque. Sui viali intorno ai bastioni, da Porta Romana verso nord e verso sud. Sulla panoramica che sale verso piazzale Michelangelo e, che ve lo dico a fare, sui Lungarno e sui tratti a 4 corsie di accesso alle zone prossime alle uscite autostradali. Il motivo iniziale fu giustificato, non del tutto a torto, dalla necessità di abbassare le velocità medie per ridurre il tasso di inquinamento ma in realtà anni fa ci fu uno scandalo di auovelox forse truccati per…fare cassa.

    Ovviamente basta seguire il flusso del traffico cittadino per evitarli perché la presenza di cartelli di segnalazione è talmente elevata che spesso traggono in inganno. E così basta andare come vanno i fiorentini e si sta tranquilli. Ovviamente tra l’uno e l’altro si recupera :-)
    E così l’inquinamento sale. Perché anziché andare ad una media da multa ma costante si eseguono delle accelerazioni subito dopo ogni trappolone che fanno consumare mediamente molto di più che non nel primo caso…e inquinare di par grado!

    Ogni volta che vado a Firenze, e succede spesso, penso che i fiorentini sono davvero cittadini civili ed esemplari fin dalle prime signorie perché se avessero fatto a Roma quanto da loro il nostro bravo Jestercap ci ha appena raccontato che fine avremmo, ops, avrebbero fatto fare a quegli oggettivi, veri o finti che siano.

    2 luglio 2011
    Reply
  2. AgostinoNo Gravatar said:

    Signiori io credo che non avete focalizzato il gioco ! Con queste prove altamente (tecnologiche …..??) quanto costerà alla amministrazione comunale e chi si riempirà le tasche ..? In Germania se c’e un limite più o meno sensato va RISPETTATO ma se non c’e un limite la velocità e’ libera in Italia con cartelli di velocità nascosti e altre tarantelle pensano solo a fare cassa.

    16 luglio 2011
    Reply

Rispondi