AS Gotham

Il sindaco e Orfini ieri a Villa Ada
Il sindaco e Orfini ieri a Villa Ada

Non so se ve ne siete accorti, ma c’è stata un po’ di maretta a Roma in queste ultime settimane. Prima della scoperta dell’acqua cal della cupola-fascio-mafiosa-che-controlla-la-capitale, il popolino fascio-coatto infestava le bacheche di Ignazio Marino e altri focolai di opinione romana, vomitando contumelie, augurando accidenti e invocando le dimissioni del sindaco.

Io ho preso la buona abitudine di andarmi a vedere i profili di chi, con vari gradi di becerume, invitava Marino a dimettersi… Sappiate che i più moderati hanno sulla foto del profilo loro stessi in canottiera con la bottiglia di vino del duce in mano (cosa che dà in un colpo solo la misura del milieu culturale e della raffinatezza alimentare), mentre i meno moderati hanno direttamente i poster di pezza con le croci celtiche e i Pitbull che gli leccano la faccia. (Poi, vabbè ci stavano pure i soliti grillini che non dormivano la notte per la storia delle multe delle Panda). read more

Misguided perfection

Oggi ero fermo per un turno completo di semaforo a Piazza Gondar. Ero in pole position e faceva caldo; per non squagliare inutilmente la moto e il pianeta, ho spento il motore. In quel momento esatto, nel casco è partita questa canzone. Da lì in poi, per un minuto buono sono stato fermo ad ascoltare, rapito dalla musica, cullato dal torpore mattutino e ipnotizzato dal traffico estivo. Poi come è giusto è arrivato il verde, ho riacceso e sono partito verso una giornata qualunque.

I momenti perfetti è inutile cercarli, càpitano da soli… Basta farci caso. read more

La Roma Nord che non ti aspetti

Gustav_Klimt_016

Il semaforo di piazza Gondar alle novemmezza di mattina, sia pure in una bella giornata di sole come oggi, non è il luogo dove ti aspetti che le giornate possano cambiare in meglio, anzi.

Oggi, in particolare, c’era fila fino alla rampa della Tangenziale e c’era il solito vecchio in doppiafila ad ostruire anche il cunicolo in cui con la moto si sarebbe riusciti a passare. Arrivo al paraurti del vecchio, scatta il semaforo ed è il momento di fare i prepotenti, partire in anticipo e mettersi malamente davanti alla macchina in fila che dovrebbe passare. read more

Er papa coll’occhiali

Non ho né i titoli, né la voglia per dilungarmi troppo sull’elezione di questo nuovo papa. Però, qualche cosina alla rinfusa mi è venuta in mente tra ieri e oggi e ve la ributto qua fallo canis

Non mi piaceva la shaky rockstar di due papi fa, né l’emerito dimesso che adesso abita ai Castelli. Ricordo scene di isteria collettiva (Giovaaaanni Paaaolo!! Taaatà taaatà! Santo subito!) nella piazza che dopotutto stava pur sempre a un funerale. Ma ricordo anche un certo abbrivio emotivo che aveva portato la stessa folla a osannare il pastore tedesco (Beeenedeeetto!!! Taaatà taaatà!). Passi per il primo che su sti deficienti ci campava (a suo modo), ma trattare Ratzinger da Justin Bieber mi sembrava poco in linea con il personaggio. Avevo, ovviamente, ragione io. read more

Dedicato al boemo, a me e a molti altri

Non mi piace in generale mescolare Roma con la (AS) Roma, né tanto meno abbandonarmi a vagheggiamenti di romanità perdute o a gladiatorismi di ritorno, ma ieri sera ho letto questo parole che mi sono suonate quantomai attuali.

For no matter how bad things had gotten, Rome had always responded, had picked itself up out of the dustbin of history and soldiered on. And it was in defeat more than victory that Polybius saw the essence of Rome’s greatness. (Robert L. O’Connell – The ghosts of Cannae) read more

Velo OK – Post di lotta e di governo

Pare che finalmente la “fase di sperimentazione“, alquanto scalcagnata se mi è consentito, dei Velo OK del IV Municipio sia finita e che forse, già da questa settimana, una colonnina delle circa 40 sparse in modo surreale per Talenti sarà riempita con un autovelox.

Per quello che vale, la situazione a Viale Jonio non è cambiata e a Via della Bufalotta dove sono passato ieri sera, le migliaia di colonnine che hanno installato sono sempre finte e vuote, anche se in uno stato di forma migliore dell’ultima volta. read more