Pensieri sparsi su Burioni e il burionismo

Scrivevo tempo fa che l’antivaccinismo, per quanto deteriore, non può non evocare in alcune sue componenti e alcune sue orecchiate sentenze una certa sinistra d’altri tempi, a metà fra le fregnacce new-age e il sospetto a prescindere verso qualsiasi struttura più organizzata di lei (sia essa Big Pharma o un club di Forza Italia). Io c’ero fra loro e io me li ricordo: all’epoca stavamo parecchio avanti rispetto al resto del paese e quindi, oltre a tirarcela (tanto per cambiare), ritenevamo inconsapevolmente opportuno chiudere un occhio su certe approssimazioni di giudizio. read more

Discorso sul metodo

Anticorpi

E’ quasi un anno che non scrivo. L’ultimo post è del 5 ottobre 2017. Nel frattempo, mi sono sposato, ho cambiato radicalmente lavoro e mi sono trasferito con moglie e figlia in Germania. Potrei dirvi che non ho scritto perché avevo da fare, e in parte è pure vero, ma di base non riesco a trovare la tranquillità mentale per mettermi a scrivere. Il fatto di avere quasi sempre davanti un PC con l’orrenda tastiera tedesca e una bambina piuttosto vivace che scorrazza per casa, non aiutano.

Nel frattempo, dicevamo, sono successe altre cose. L’Italia ha deciso di consegnarsi mani e piedi alle due forze politiche più grette, becere e cialtronesche dell’emisfero. E pare pure che le piaccia, all’Italia, dico…

Rilevo che, sebbene l’essere “distante” da certa gente mi faccia solo che piacere, questa distanza non è mai stata così incolmabile. Da un lato, c’è l’elettore del #governodelcambiamento così ingenuamente tronfio e farcito di speranze da fare quasi tenerezza, dall’altro ci sono io e qualche happy few, che, non solo penso di essermene andato nell’ultimo momento utile, ma provo anche vera, sincera apprensione per le persone a cui voglio bene, che sono rimaste là e non hanno avuto la mia così tempestiva fortuna.

Due parole su questi disgraziati (in entrambi i sensi) che sono al governo e su chi li vota. E’ già evidente che non sono capaci di fare nulla (ad esempio, sull’ILVA aveva ragione Calenda, sui vaccini, la Lorenzin, sui conti, Padoan, …) ed è altrettanto evidente che non lo ammetteranno mai: la gente continuerà a votarli, senza troppi problemi. Se ciò sia colpa degli hacker russi o solo di sano ur-fascismo italico, di analfabetismo funzionale o di interpretazioni superficiali della complessa realtà globalizzata, sinceramente non saprei nemmeno dirlo, però quelli sono, quelli votano e quelli ci teniamo (io un po’ più da lontano).

Poi, ovviamente, è colpa di Renzi e del PD. Non ho mai sopportato Renzi e se vi andate a rileggere il blog, vedrete che ne ho parlato quasi sempre molto male. (Dico qui, a futura memoria, che l’unico vero possibile punto di svolta per l’Italia e per la sinistra è stato nel 2013, con Pierluigi Bersani, che si è trovato sulla strada i grillini del 2013, quelli dello streaming poi passato di moda, incazzati come vipere, vacui come bolle di sapone, inutili e fastidiosi come le zanzare e ignoranti come pecore).

Renzi, dicevamo. Renzi politicamente giganteggia rispetto a questa gente e vedere che c’è chi non riconosce questo semplice fatto, da sinistra, è qualcosa per me di abbastanza incomprensibile. E’ come se tutti ce l’avessero *personalmente* con lui e lo ritenessero il responsabile di tutto: OK, non è di sinistra. OK, il PD non è più un partito di sinistra, ma l’onestà intellettuale di riconoscere una normalità politica in un panorama di fascisti e di nani rancorosi, non dovrebbe costare nulla. Indipendentemente da cosa e se si vota.

E invece no. Non si capisce perché uno sedicente di sinistra che, legittimamente, voglia prendere le distanze dal PD e dal suo operato, riesca più di talvolta a sentirsi attratto da offerte politiche che definire scadenti è fargli un complimento. Io ho l’impressione che tutti questi maitre à penser da ballatoio che hanno votato 5 Stelle, o non erano di sinistra già prima, o non hanno capito un cazzo del mondo attuale e, in entrambi i casi, avevano gli anticorpi antifascisti già belli compromessi.

Discutiamo di tutto, diciamo che tutto va male, neghiamo l’evidenza, droghiamoci, ubrichiamoci, scappiamo, emigriamo, andiamo in montagna, ma i fascisti teniamoli sempre alla giusta distanza e nella giusta loretiana posizione. Mai coi fascisti.

A proposito di anticorpi, in questi giorni di inizio anno scolastico, si riparla di vaccini e di quei minus habentes che non vaccinano i figli. Vorrei condividere con voi una mia teoria, con la quale, a onor del vero, diverse persone a cui la ho esposta a voce non si sono trovate d’accordo….

Perché gli antivaccinisti hanno raggiunto numeri così preoccupanti? Di gente pazzerella ce n’è sempre stata, ma questi sono di più dei soliti quattro gatti… Come hanno fatto proseliti (ancora non moltissimi, per fortuna) anche fra persone che non avevano una chiara opinione in merito? Come hanno conquistato una fetta di indecisi (o, meglio, agnostici) sul tema? Io penso che alla base ci sia *taa-daa* la pigrizia (bum).

Stare appresso a un bambino piccolo è faticoso e porta via un sacco di tempo. Imbarcarsi in un percorso vaccinale, combattere con la sanità pubblica, discutere con i pediatri, fare file e buttare mattinate, vederselo e tenerselo un po’ abbacchiato e febbricitante dopo il vaccino, è una cosa disagevole e spiacevole. Sbattersi per un bambino che sta male, ha la febbre, vomita, è un conto, ma, se il bambino sta bene, chi me lo fa fare? Visto che, ovviamente, per i motivi sopra esposti a proposito delle scelte di voto, le persone sono in media anche ignoranti come l’erba e non hanno idea di quello di cui si sta parlando?

Quindi, la mia teoria è che dietro queste mamme (e papà) coraggio, almeno dietro alle meno convinte di loro, c’è il ragionamento seguente.

Il fatto che ci sia gente che dica (urli) che i vaccini non fanno bene, è proprio la scusa perfetta di cui avevano bisogno per non fare, per rimandare, per trovarsi con il bambino di tre anni non vaccinato, senza nemmeno sapere bene perché. La legge sull’obbligo vaccinale è particolarmente invisa a questa gente, non solo perché li mette de facto fuorilegge o perché li mette davanti alle responsabilità di genitore e cittadino, ma anche perché li mette davanti alle loro non-scelte, perché li sputtana più o meno pubblicamente come mezzi-deficienti e perché, soprattutto, li colpisce dove fa più male, impedendo loro di togliersi finalmente il pargolo da casa, mandandolo all’asilo. Che diciamolo i bambini so’ belli, ma quando non stanno fra i piedi 24 al giorno, lo sono di più.

Da lì, tutte le giaculatorie su Facebook, i gruppi chiusi, i forconismi e, soprattutto, tornati sulla terra, tutta la serie di sotterfugi e zozzerie (honestà, honestà… ) di cui sono piene le cronache. Obiettivo: riuscire a far prendere il figlio a scuola, senza vaccinarlo e, con buona pace di Gandhi e di Mandela, minimizzando sia lo sputtanamento, sia la discussione. Cose da film di Pierino, che, unite al fatto che sono architettate, non dimentichiamo, da forme di vita appena più intellettualmente vivaci dei licheni, diventano spesso esilaranti.

C’è però, a dirla tutta, un altro aspetto di questi No Vax che mi disturba. Antropologicamente, non li sento così lontani da me (ari-taa-daa). Il rifiuto della scienza un po’ New Age, la mobilitazione grassroot (ancora l’erba…), le multinazionali cattive, la natura che deve fare il suo corso, sono temi che hanno accompagnato la mia giovinezza di ragazzetto di sinistra (a.k.a zeccacolorata). Poi, io e molti altri, siamo andati un po’ avanti e abbiamo messo in prospettiva tutto questo. Molti non lo hanno fatto e queste posizioni così ingenuamente “contro” sono entrate, grazie alla mediazione di Facebook & co., nell’immaginario collettivo anche di persone che sono piuttosto lontane dai centri sociali (estetiste di Rovigo, datori di lavoro di se stessi, energumeni tatuati, portatori sani di sopracciglia ad ala di gabbiano, fan di Vasco Rossi e mammine pancine). Gente che quegli anticorpi antifascisti di cui sopra non ce li ha mai avuti e infatti vota come vota e si sente pure barricadera. Come direbbe il Vate:

bisogna saper scegliere in tempo, non arrivarci per contrarietà:
tu giri adesso con le tette al vento, io ci giravo già vent’anni fa!

Mi scuso per il post un po’ sconclusionato, anche, rileggendo, pensavo peggio. Abbiate pazienza, avevo voglia di scrivere. read more

Di pozzi avvelenati

Oggi sul profilo di un amico ho trovato un grillino più pacato del solito, il quale, benché pacatamente, sembrava molto convinto che i “TG di Stato” raccontino solo bugie e che bisogna leggere altre fonti per avere accesso alla realtà delle cose.

Davanti a tanta pacatezza, ne ho approfittato e, pacatamente, gli ho chiesto quello che segue.

OK, i “TG di Stato” sono deviati perché al soldo della politica tradizionale (semplifico), ma davvero pensi che non siano più che sufficienti per una persona culturalmente normodotata per farsi un’idea della situazione e trarne le dovute e razionali conseguenze?

Quali sono le “altre fonti” che non sono i “TG di Stato” e da dove traggono l’autorevolezza che gli riconosci?

Non ti sembra strano che, guardandosi un po’ intorno, sono proprio le persone più deboli culturalmente, quelle che non si fidano più di niente e di nessuno e pretendono di saperla lunga perché hanno le loro “fonti alternative”? read more

Tre anni e mezzo a spese nostre…

Altissimo sulla scala degli sciacallaggi
Altissimo sulla scala degli sciacallaggi

Oggi c’è stata una scossa di terremoto alle 7e40 di mattina, la più forte da che io mi ricordi… Una cosa grossa, davvero. Fidatevi, anche se non l’ho scritto su Facebook.

La Cittadina Senatrice Enza Blundo (M5S, e come te sbaji?), invece, ha scritto subito il suo pensiero su Facebook… Poco dopo ha modificato il post e l’ha reso un po’ più soft.

(Già qui ci sarebbe da farsi qualche domanda su questo tirare il sasso e nascondere la mano su Facebook di un’esponente di un Movimento che si fonda sulla mistica della Rete. La rete, come tutti sanno, non dimentica e andrebbe usata con attenzione e, ove possibile, collegata al cervello… Ma vabbè… E’ stato già detto in altre occasioni che l’analfabetismo non solo digitale scorre possente in certi ambienti…)

Non fa notizia nemmeno che un grillino qualsiasi creda a queste bufale. Né che ci creda al secondo evento sismico in pochissimi mesi, dopo che già al primo quella bufala della magnitudo era stata ampiamente e sonoramente smontata.

Il dramma vero, quello cui si farà sempre fatica ad abituarsi, è che il soggetto in questione è Senatrice della Repubblica da tre anni e mezzo, durante i quali, benché, bontà sua, si sia autoridotta lo stipendio, è stata profumatamente pagata da me e da tutti voi, per fare la (e comportarsi da) Senatrice.

Perché è chiaro che l’esercito di Signori Nessuno che il M5S ha portato in parlamento, era costituito da gente presa un po’ qua e là (*), che credeva alle peggio cose che leggeva in rete (chip, sirene, no vax, scie kimike, ecc.). In fondo, erano “uomini e donne della strad Società Civile” e purtroppo in Italia la cosiddetta Società Civile è quella che è (**).

Però, dico… Tre anni e mezzo in cui (a spese mie) dovresti essere un (bel) po’ più culturalmente attrezzata di quando hai cominciato, in cui dovresti avere raggiunto un certo discernimento circa il vero e il falso che gira in rete, in cui dovresti (non per svago, ma per lavoro, eccheccazzo!) esserti abbeverata a fonti un pochino migliori di “Cose che nessuno ti dirà. No censura!“, di “Tze Tze” e del “Club Luigi di Maio“…

Che ti pago a fare, poco o tanto che sia? Per continuare a comportarti da quella che eri prima di lavorare per me? Non va bene… Non era il Movimento che predicava l’accountability dei suoi eletti, che pontificava un giorno sì e l’altro pure sul rispetto per gli elettori e per i cittadini?

A quel punto, abruzzese per abruzzese, era meglio votare Razzi. E’ ciuccio uguale, ma magari uno una risata ogni tanto te la fa fare (e magari se la fa pure lui).

(*) La cittadina senatrice è aquilana, non so se direttamente o indirettamente colpita dal terremoto del 2009, e si era distinta nel post-terremoto con iniziative varie pre-para-grilline… Oggi, qualche anno dopo, fa sciacallaggio politico sui terremoti degli altri. Tutto cambia, si direbbe, tranne l’ignoranza.

(**) E nel caso vi steste chiedendo se si tratta di uno scivolone o di un caso particolarmente limite di classe “diversamente dirigente”, la risposta è ovviamente NO.

 

Friends and Foes

Friend
Friend

Da un po’ di tempo, su Facebook, ho una nuova amica; è americana, un po’ agée, si chiama Hillary e vuole diventare Presidente degli Stati Uniti.

A me lei piace molto: la trovo una tosta, cazzuta e realista e, soprattutto, capace e preparata per fare quello che vuole fare. Devo anche dire che ora che è più vecchietta, rispetto a quando era “solo” First Lady, ha un po’ perso la fisionomia banalmente americana da avvocatessa battagliera, raggiungendo un nirvana estetico da nonna rassicurante. (Anche se bisogna dire che le foto di lei da giovane con quegli occhialoni da sfigata sono inarrivabili).