Let’s play

Mi sono sempre piaciuti i giochi da tavolo. E, anche se più passa il tempo più è difficile far riunire diverse persone per giocare “a qualcosa”, le poche volte che ancora ci si riesce l’esperienza acquista un sapore particolare vista la maturità dei partecipanti e il commitment che si viene a creare.

Pur praticandoli, i grandi classici, tipo Trivial, Taboo, 20 Questions, Monopoli ormai mi appassionano sempre meno e preferisco orientarmi su giochi un po’ più originali e, da quando ho la moto, portatili.

Il mio (nostro) evergreen è Family Business, un gioco di carte, in cui si simula una guerra per bande. E’ bello perché non assomiglia a nessun gioco noto, è molto veloce (a saperci giocare, con Bnb, quando eravamo più piccoletti, ci facevamo un paio di partite al volo durante il tempo di un’ovovia dolomitica) e, giocato in tanti, si presta alla bastardata e alla caciara senza costrutto.

Ma Family Business ha fatto il suo tempo, sia spiritualmente, sia soprattutto fisicamente visto che le carte (di cartonaccio) sono ormai delle reliquie bizantine. Andrà ricomprato (a trovarlo) o eventualmente autocostruito in qualche modo, magari con un mazzo di carte napoletane e un pennarellone.

Ma la rete è vasta e venerdi mi sono messo a cercare, con l’unico vincolo che fosse un gioco strano e “di carte”, un degno sostituto per Family Business. Ho giracchiato su BoardGame Geek, che è la Bibbia dei giochi da tavolo, ed ho incrociato i risultati con quello che era disponibile su EveryGameYouPlay (www.egyp.it).

E per la modica somma di 36 euro (spese comprese) ho acquistato:

  1. Tichu che è quello di cui sono meno convinto, non fosse altro che per il fatto che è praticamente un mazzo di carte francesi con 5-6 carte aggiunte;
  2. Verrater
  3. Master of Rules che sembra il più fico di tutti;
  4. Keltis

Mo vediamo come sono e il più bello ve lo racconto più in dettaglio.

In coda devo segnalare che l’esperienza di acquisto su EGYP è stata eccezionale. Ho concluso l’ordine alle 17.57 di venerdì e venti minuti fa (cioè 4 ore lavorative dopo l’ordine, praticamente) avevo già il pacchetto qui in ufficio ad un prezzo molto ragionevole e indipendente dal tipo, dalla dimensione e della quantità di giochi acquistati. Complimenti.

Post simili a questo

4 commenti su “Let’s play”

  1. Ciao Alberto,
    felice di essere incappato nel tuo blog, visto che oltre che di moto si parla anche di giochi da tavolo.
    Sul genere di Tichu ci sarebbe anche Koryo, ma forse anche questo potrebbe essere sostituito da un po’ di carte francesi, con qualche aggiunta. Mentre il mio consiglio va su questi altri due che sono favolosi: Complots e La resistance. Specie il secondo è spettacolare. Se lo giochi con gli amici non la smetterai più

    se vuoi darci un’occhiata:

    KORYO ==> http://boardgameville.it/shop/giochi-di-carte-living-card-games/koryo/

    LA RESISTANCE ==> http://boardgameville.it/shop/giochi-cooperativi/resistance-ii-ed-italiana/

    COMPLOTS ==> http://boardgameville.it/shop/giochi-di-carte-living-card-games/complots/

  2. Ciao Giovanni,
    grazie del commento. Il post è un po’ vecchiotto e, ti dirò, mi ero dimenticato di averlo scritto. A quei giochi infatti poi ci abbiamo giocato e il post, quindi, avrebbe meritato un aggiornamento.

    Tichu e Master of Rules bocciati.

    Verrater ci è piaciuto, ma poi sul genere abbiamo scoperto Citadels e ormai se dobbiamo giochiamo a quello.

    Keltis, invece, pur non essendo travolgente ha il vantaggio di poter essere giocato in due o tre non in moltitudini di partecipanti, quindi, zitto zitto, quando me ne ricordo, ancora me lo porto in giro. Come d’altronde Family Business, sempre più malridotto, poveraccio.

    Quanto ai tuoi giochi, premesso che ormai, con una pupa per casa, non si gioca quasi mai (nel senso che quando si potrebbe farlo, si potrebbe anche fare altro..), mi attira (un po’) Koryo.
    Gli altri due, per quanto interessanti, necessitano di gruppi importanti di giocatori che sono fuori della mia portata e,inoltre, sembrano fondarsi su bluff e doppi-giochi che io non ho mai amato particolarmente.

    Io, se gioco, voglio essere da solo contro tutti (o la mia squadra contro tutti): le alleanze asimmetriche non mi hanno mai divertito.

  3. Capisco 🙂
    Grazie della risposta e ricorda: non si smette di giocare quando si invecchia ma si invecchia quando si smette di giocare… Pupa permettendo, ovviamente.

  4. Oh, sì… Poi ci sarebbe pure quella faccenda della moto chequando diventi papà usi di meno, ti diverti di meno, ecc. Sì, sì…. 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.