E come tutti gli anni di questi tempi…

Forty-ish…

Er Poro Lucio

Iniziamo con l’autocritica.

Giorni fa, in un carteggio per email, avevo definito EPL un po’ “stantio”. L’affermazione ha provocato nella mia interlocutrice più di un arricciamento di naso, ma la cosa è più o meno finita lì. Oggi, a cadavere caldo, dopo un pomeriggio qui in ufficio passato a (lavorare e) risentirsi tutto il repertorio con commenti, votazioni e top five estemporanee, vorrei riformulare il mio pensiero su EPL in modo più articolato.

Musicalmente è morto verso la metà degli anni ’80. E questo, sebbene ci sia ancora qualcuno che difenda Attenti al Lupo, penso che sia più o meno pacifico per tutti. Non è certo questo, però, che  può squalificare EPL, visto che si tratta di un destino comune a quasi tutti i suoi colleghi della Grande Stagione Cantautorale degli anni 70 e 80 (*). read more

Montanaromanitas

Il mio pino preferito
Non esistono pupazzi di neve amatoriali fatti bene. Le carote magnatevele.

Le macchine girano. Un po’ meno del solito, ma girano. C’è sempre qualcuno che sta più avanti degli altri e mette delle specie di saccocce di stoffa intorno alle ruote a mo’ di catene. la novità principale è che vanno a due all’ora. e la gente cammina in mezzo alla strada.

Il problema sono vialetti, c’è pure qualcuno che ha messo le catene per uscire (chissà se ha provato a uscire de retrella, prima).

Si parla delle dichiarazioni di Alemanno che se la prende col meteo… Ora, assodato che si tratta del Sindaco più inadeguato dai tempi di Enea, davvero quale  dovrebbe essere il piano di emergenza che avrebbe potuto scattare, se il meteo avesse dato informazioni veritiere? Migliaia di spazzaneve fantasma, tipo l’esercito di Aragorn, che si materializzavano con una telefonata? Vigili a bordo di motoslitte?  Che sarebbe nevicato si sapeva da una settimana e non si parlava d’altro… Pensare nun famo gnente, tanto ne fa poca, è un po’ wishful thinking e un po’ approssimazione. Ma il vero punto è che non c’è niente di sistemico da fare e poi noi, cazzo, siamo approssimativi. Chi ieri è andato a lavorare -me compreso –  lo sapeva benissimo che il ritorno a casa, almeno a livello probabilistico, poteva essere problematico. Non sarà la prima né l’ultima volta. Abitiamo in questa bella-brutta-fantastica-ignobile città da quasi tremila anni e non ce n’è mai fregato un cazzo. Perché dovremmo cominciare ora? Solo perché fa un po’ freddo? read more

MMXII

A me il 2011 non è piaciuto per niente. Non voglio esagerare con i toni perché per molte persone, anche vicine, è stato oggettivamente un annus horribilis, ma rimane che il 2012 dovrà essere migliore…

Nell’ultimo mese del 2011, sul mio personalissimo cartellino sembra che un po’ di cose si siano messe per il verso giusto e questo mi permette di guardare al nuovo che avanza con una serenità maggiore. Ma ancora nulla è a posto e potrebbe essere solo  il solito, maledetto wishful thinking… E comunque, quand’anche non lo fosse, l’equilibrio è davvero instabile e ci vuol poco a farlo vacillare. read more

8 Dicembre 2011 – Enter Banshee…

Io e Banshee

E così oggi ce ne siamo andati in moto… Era una giornata di sole e di vacanza in un tardo autunno che ricorda la primavera in modo vagamente inquietante. Clima a parte, tuttavia, le cose da notare erano altre. Non uscivo in moto con Bnb da prima dell’estate (*) e poi ho una moto nuova.

Siccome sono un quaqquaraquà, alla fine mi sono comprato la moto che avevo semi-stroncato l’anno scorso. A mia parziale discolpa, bisogna dire che zia KTM nel passaggio dal MY 2010 al MY 2011 ha sistemato alcune delle cose che non mi erano piaciute ai tempi di quel test drive. Ha messo l’ABS di serie (senza alzare il prezzo) e forse ha anche rimappato la centralina al punto che non mi sembra più “uguale” alla vecchia Adventure con cui condivide il motore. Ma forse quest’ultimo è solo wishful thinking che aiuta a dare un senso ai soldi spesi… read more