Cialtroni e taxi

Come sapete, questo blog ha una lunga storia di guerriglia contro i tassisti, contro i loro comportamenti privati (di alcuni) e quelli sociali (di categoria) e si è ripromesso da tempo che su certe cose nulla dovrà passare sotto silenzio.

La campagna elettorale della presunta remuntada di Nonna Letizia (quella di Twitter) sta facendo appello alle pulsioni più infime, agli interessi di bottega più squallidi, alle fasce sociali più borderline e agli ambienti culturali (si fa per dire) più retrivi.

Bene. In questo humus così edificante, mi aspettavo quando sarebbero entrati in gioco i tassisti, sempre così attenti al bene comune. Eccoli.

I tassisti non hanno colto un’occasione storica per fare belle figura. Speriamo che i milanesi si dimostrino migliori di loro.

PS: ma quanti voti spostano i tassisti? Chi può dargli retta?

Post simili a questo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.