Cialtroni dimissionari (forse)

Ammetto che cominciare la giornata guardando Quagliariello a Omnibus non sia il massimo, ma oggi, con le orecchie comprensibilmente più basse del solito, ha detto più o meno questo:

Questo governo si è trovato a governare in una crisi globale gravissima, con pesanti eredità del passato ed è riuscito fare cose non-negative per il Paese…

Se ne potrebbero dire tante, sull’aver negato la crisi per anni, sull’aver parlato di ristoranti pieni solo tre giorni fa, sul fatto che il 90% del tempo lo hanno passato a parare il culo il B., sul fatto che non sono arrivati da Urano nel 2008 e quindi l’eredità del passato è più che altro cosa loro… Ma, come dicevamo tempo fa, non vale la pena fare le pulci a quello che dicono i politici del Centrodestra a meno che non si sia dei pedantacci barbosi o degli appassionati di nonsense. Mi hanno colpito invece quelle cose non negative, che in tre parole riassumono una volta per tutte il vero limite di questa gente.

Quand’anche fosse vero, cioè se effettivamente non avessero fatto danni e se l’immobilismo fosse un valore in tempo di crisi e non il marchio dell’incapace, la situazione avrebbe richiesto una selezione ulteriore della classe dirigente: gente non solo capace di gestire l’ordinario, ma anche di prevenire e affrontare lo straordinario…

Invece, ci troviamo dei cialtroni che, in un concerto planetario di pernacchie, sepolti da oceani di merda e di ridicolo, si vantano di aver fatto “cose non negative”… La rivenderò ai miei capi alla prima occasione… Vediamo che dicono.

Post simili a questo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.