Arretrato

Quello che segue l’avevo scritto al gate in partenza per la Sardegna. Era il 17 agosto.

Sto al gate. Tra poco si va in vacanza…
La televisione dell’aeroporto, per suoi imperscrutabili motivi, ritiene che a questa umanità sudaticcia e infraditata da 17 agosto sera stiano molto a cuore le sorti dell’economia… In particolare, quell’economia triste del mercato azionario italiano, i cui attori principali (tristi e spompati anche loro) sono presumibilmente tutti al mare.
Oltre ad oscuri listini, passano le “stime della Confcommercio”, che sono le seguenti:

Auto e  moto: -15%
Elettrodomestici: -7,5%
Non so che altro: -13%
Telefonini: +189% (in sei anni)

Vabbè, al di là della fonte, mi sembra facile trarre una conclusione, nonostante l’aria e l’ambiente appiccicosi non facilitino il pensiero lucido.

Il telefonino costa poco (rispetto alle altre cose), si usa tutti i giorni (diversamente dalle altre cose), non è considerato un investimento (diversamente dalle altre cose), se si rompe non si ripara (diversamente dalle altre cose)…

Ma soprattutto riesce a re-inventarsi continuamente e per milioni di italiani agro-pastorali-dentro è l’unica cosa in loro possesso che è stato pensato nel 21° secolo e che li fa avvicinare, sia pure inconsapevolmente, al web 2.0 (oltre ovviamente alle notizie allarmistiche del TG4).

Io non sono uno particolarmente malato di tecnologia (un po’ sì, ma vi assicuro che c’è di peggio), né, come sapete, uno particolarmente incline ad aprire il portafoglio, ma penso che se un mercato va premiato è proprio quello dei telefonini (e annessi e connessi) per quello che è riuscito a creare intorno ad una cosa che serviva originariamente solo per tranquillizzare la mamma preoccupata.

Probabilmente, la gente lo usa ancora principalmente per quello, ma avere l’email (vera) sempre a portata di mano, una collezione di musica disponibile (senza doversi portare appresso un I-pod), una connessione wi-fi per risparmiare (in un paese più civile del nostro, tipo l’Albania) sul traffico dati, una macchina fotografica sempre più dignitosa (soprattutto per chi ha esigenze di pubblicazione web e basta), oltre a tutti i messenger e i facebook.

Io, per motivi che non sto a raccontarvi, ho soltanto la prima feature (la mail, vera, troppo vera), ma ritengo (udite, udite) che tutto il resto sia utile e apprezzabile, fino al punto di invidiare chi ce l’ha.

E poi se qualcuno non sa nemmeno mandare gli sms, può sempre guardarsi il TG4…

Post simili a questo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.