Il bertoldismo minchione

bertoldo_bertoldino_e_cacasenno

Ieri ho scritto su Facebook:

“Noi non siamo né di destra né di sinistra… Siamo italiani!”.
Come dicono, da che mondo è mondo, i fascisti che si vergognano di dirlo.

Perché poi, il punto non è nemmeno che c’è di mezzo Forza Nuova, che si vedono personaggi in bomber e occhiali neri che cantano l’inno col braccio alzato in modo sospetto, che qualcuno parla di “complotto ebraico”, che in piazza ci sono quei noti patrioti degli ultrà della Juventus, che ci sono azioni squadriste contro negozi e supermercati, che la polizia nicchia, che torna la voglia di “bruciare i libri” (finalmente, eccheccazzo!), che a leggersi i proclami e i volantini li si trova infarciti di “onore” proprio e “codardia” altrui…

read more

Stranger in a strange land

COVER OGGI 16.pdf
Ma non si dovrebbe mettere il nero sugli occhi dei bambini??? (Per non farsi mancare niente, c’è pure Renzi)

C’è una cosa su cui medito da tempo di scrivere un  post e la botta finale me l’ha data la decisione del TAR del(la) Lazio di ri-abilitare “Stamina”, qualsiasi cosa essa sia.

No, non è il solito post contro gli stregoni, i furbacchioni, i grillini e quelli che si ostinano a pensare che la scienza è un’opinione, né contro i poveri di spirito che gli danno retta. Il punto è che io “stamina” non so proprio che cazzo sia. So che ci sono bambini malati e le Iene di mezzo e tanto mi basta per disinteressarmene, eppure è una cosa che appassiona un sacco di gente, la maggior parte della quale, fortunatamente, non ha nemmeno malati intorno.

read more

Easy peasy

Layout 1

Ieri era la Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne. Massimo rispetto e solidarietà a chi è maltrattato, ma vorrei soffermarmi su un aspetto marginale della questione che però colpisce molto la mia mente (malata).

Il tono degli interventi, autorevoli e non, che si sono letti ieri su milioni di profili Facebook, era sul genere di quello qui riportato. Il tuo fidanzato ti mena? Facile. Cambia fidanzato. Boh. Forse era facile ieri, che era la Giornata Mondiale; perché in generale non lo è affatto. Dentro a storie del cazzo™ ci siamo infilati tutti prima o poi e ne siamo usciti sistematicamente con le ossa rotte: spesso, fortunatamente, solo in senso figurato, però “uscirne” è stato tutto fuorché facile.

read more

The L-word

luddite

Premesso che a me Gramellini mi è sempre stato riccamente sulle scatole con quel suo modo piagnone-romanticone-puccettone di parlare di cose serie, l’altro giorno ha pestato una merda (anzi un merdone) scrivendo questo articolo.

Leggetevi, se vi va, la polemica che ne è giustamente sorta (qui, qui, qui, per limitarmi a quelli che ho letto io): io la condivido, ma penso che un dibattito analogo potrebbe sorgere su almeno un paio di suoi “Buongiorno” a settimana.

Ma anche se l’ “anti-scientismo a prescindere” è un tema caro al blog, non è di questo che voglio parlare. (Forse ne riparleremo, quando avrò letto questo libro qui, che ho in lista d’attesa).

read more

Sirene

sirena

Un po’ di giorni fa, tale Tatiana Basilio, deput mia dipendente del M5S, ha affermato in un post su Facebook che, vado a memoria, le sirene (quelle con le tette grosse e la coda da pesce, non quelle delle ambulanze della neuro) esistono, che alcuni scienziati le hanno studiate e che, manco a dirlo, la scienza mainstream ce lo tiene nascosto (chissà, forse per tenerle schiave in qualche techno-idro-bordello gestito dal Bilderberg).

Non voglio infierire più di tanto perché ci ha già pensato Makkox qui sopra; me fa ride e basta (e, come già detto, una risata li seppelirà).

read more

Ox Mountain (a.k.a. Colli Monte Bove)

ColliMonteBove
SS 5 Tiburtina Valeria – Tratto Colli di Monte Bove

Nei nostri giretti in moto con Bnb e Jedan, le strade del Lazio e dell’Abruzzo (e dell’Umbria e delle basse Marche e della bassa Toscana) le abbiamo ormai percorse tutte, più o meno. Dal 2008, usciamo in media una volta la mese e, a botte di 4-500 km, ci vuole poco a presidiare il territorio, come ben documentato da Jedan. Tanto che da tempo abbiamo cominciato ad avere la sensazione di andare sempre negli stessi posti.

Rimaneva però una notevole eccezione, non tanto perché era l’unica strada a non aver mai fatto (che poi non è neanche vero, come vedrete), ma perché non la volevamo fare (più) in modo molto, molto consapevole.

read more