Arberia

Su Repubblica online c’è oggi il solito servizio di costume con la galleria di foto… Ci sono le solite manifestanti nude contro le pellicce, foto e fotomontaggi, animali albini, manifesti di Noemi. E c’è pure questo: il ristorante più economico al mondo con una stella sulla guida Michelin. Piatti da 1 a 3 euro.

Ebbene, io da quando sto qui a Tirana, pranzo all’Arberia, un ristorante senza pretese, il cui cuoco si dice che sia l’ex-cuoco di Enver Hoxha (il dittatore) e cucina in una cucina a vista che sembra un angolo cottura. Sedie scompagnate, tovaglie di carta che vengono cambiate solo quando serve, e servizio spiccio di una signora che peserà 35 chili e recita, come un mantra, quello che passa la casa.

read more

Aridatece Platone!

Domanda secca.
E se la magistratura fosse invisa ad una parte politica perché unico organo dello stato composto *esclusivamente* da laureati, da persone generalmente colte e di buone letture e che ricoprono quella posizione in virtù dell’aver vinto un difficile concorso pubblico?
Insomma, se fosse perché è quanto di antropologicamente più lontano dalla stragrande maggioranza del suo elettorato?

257 channels and nothing on

Quando sto in Albania mi guardo la tele con il satellite. Non Sky, ma quello Free. Pare che si chiami Hot-Bird o qualcosa di similmente evocativo.

A parte la misteriosa scomparsa de La7, che, a meno che non sia un problema della mia installazione balcanica, non sembra uscire dall’atmosfera terrestre, l’unico commento possibile è “Non c’è limite al peggio“.

Se la TV generalista è brutta, quella satellitare è peggio. Dopo aver filtrato i canali a pagamento, vedo qualcosa come 257 canali e la merda regna sovrana.

read more

La spalla di Riccardo

Lunedi sera ero a Roma e, riportata la moto in garage a notte fonda, è scattata, puntuale come d’abitudine, la conversazione surreale sull’eterno intersecarsi della storia di Roma e quella dell’Albania.

Stavolta l’ho registrata (è un po’ basso, soprattutto all’inizio, ma si sente). Di seguito, la trascrizione.

http://www.divshare.com/flash/playlist?myId=9517606-30a&new_design=true

Riccardo: "L’aquila… L’ha portata Roma… In Albania…"
Jester: "Sì… Po’ esse… Ma c’assomiglia…‘"
Riccardo: "All’aquila romana"
Jester: "Però pare de no, pare roba del ‘400… Te dici che è proprio roba romana, romana…"
Riccardo: "Quando… Quando… I Romani conquistarono l’Albania, non si chiamava Albania, si chiamava… ‘n’altra…"
Jester: "Me sa che si chiamava Illiria…"
Riccardo: "Illiria… Qulle cose lì che stavano… Dopo le Alpi…"
Jester: "’Ndo sta la Jugoslavia…"
Riccardo: "Jugoslavia… Difatti, hanno, hanno conquistato tutto il mondo, no? So’ arrivati fino…"
Jester: "Quasi in India…"
Riccardo: "Esatto… No. L’hanno conquistat l’India… I Romani…"
Jester: "So’ andati a salutà… Diciamo."
Riccardo: "Vabbè, va…"
Jester: "Se so’ fatti vede’…"
Riccardo: "Eh, se so’ fatti vede’ pure là, eh? Anche nei Galli, in Gallia… E… Lì hanno portato l’aquila perché io mi ricordo che sta… Non lo so… A Tirana… Da qualche parte, In Albania… Ci stanno dei monumenti che sono uguali a quelli che stanno a Via Veneto… Uhm… A Piazza Venezia…"
Jester: "A Piazza Venezia? Io non l’ho visti… Però po’ esse’..: Non lo so…"
Riccardo: "E mi sembra… Cesare Augusto l’ha portato dall’Albania a Piazza Venezia… Oppure l’ha rifatto uguale… Con tutta la storia… Tu sai che i monumenti romani"
Jester: "Ce sta la storia di chi l’ha fatti…"
Riccardo: "La storia di chi l’ha fatti… Girando…"
Jester: " A rigatone!…"
Riccardo: "A rigatone! Tutte le storie… Della conquista… Là c’è pure l’Albania"
Jester: "Me sa che è della Romania…"
Riccardo: "Nananananana!"
Jester: "Dici de no, eh? Vabbè RIccà…"
Riccardo: "Po’ esse’ pure, eh… Me posso pure sbaglia’ io, eh?"
Jester: "Te saluto, buonanotte! Ciao Ciao"
Riccardo: "Oh! Fa er bravo, eh?"
Jester: "Sempre bravo io… Ciao ciao"

read more

Il Cesarone

Volevo scrivere un post su Cesare Battisti da parecchio tempo. Oggi mi ero quasi deciso, poi però su Repubblica ho letto l’articolo/intervsita di Omero Ciai a tete-a-tete con il nostro che, praticamente, affronta tutti gli argomenti razionali con cui mi spiego (e volevo spiegare a voi) perché questo personaggio proprio non mi piace. Per quelli irrazionali basta guardarlo in faccia.

In generale, non mi unisco al coro di disprezzo verso i terroristi degli anni 70-80. Anzi, ritengo che la maggior parte di loro abbiano pagato il debito con la giustizia e con la società, nei tempi e nei modi previsti.
In tele preferisco mille volte stare a sentire Renato Curcio o Mario Moretti o Francesca Mambro piuttosto di uno Schifani, di un Gasparri o di un Rutelli qualsiasi.

read more

»}÷¥&¤ ???

stronzi

Oggi, in una depressione tutta aeroportuale, ho comprato questo (qui il sito). Ne lessi la prima volta più’ di due anni fa a margine di un consesso di cui molti protagonisti si sono, forse in omaggio al metodo, estinti nel tempo.
Sicuramente, si sono estinte le stronzate che si dissero e, soprattutto, i toni stronzo-celebrativi in cui si parlò. Meglio cosi’.

Depressione aeroportuale a parte, perche’ comprarlo oggi? Perche’ per la prima volta nella mia vita professionale, mi sento portatore di valori molto diversi da molti dei miei colleghi e collaboratori. Quindi, con tutto lo scetticismo verso certa letteratura socio-umoristico-amerikana, un consiglio su come contenere ed eventualmente rimuovere questi personaggi puo’ essere utile.

read more