Pellaccia dura

Wolvie

Veloce e telegrafico. Una volta tanto.

Ho fatto oggi la visita di controllo e pare che sto bene… Le costole sono ancora ballerine, ma decisamente assestate, anzi "stabilizzate". Ma soprattutto, Alien è scomparso e un po’ mi mancherà quel suo sguish a tradimento…

Per adesso…
ROOOOOAAAAAAAARRRRRRRRRR!!!!!!!

Opposti estremismi

Casoria

Questa è la foto di oggi su Repubblica di come a Casoria (NA) si fronteggia l’emergenza rifiuti + topi.

Qui sotto invece, ma forse l’avrete già visto, lo spot della presidenza del consiglio (e di Pubblicità Progresso, che una volta erano gente seria) su come è stata risolta, in bellezza – è proprio il caso di dirlo – l’emergenza rifiuti in Campania. Il tutto come potete desumere dal video facendo pure un buona (anzi, bona) azione… read more

Meno male che Silvio c’è…

E non ci fa…

Ascoltando in questi giorni il telegiornale in questi giorni, un laico di sinistra non può non avvertire un brivido, nemmeno tanto sottile.
Vedere questa sfilata di giovani fasci (peggiori di molti vecchi, tipo la Meloni), piduisti (tipo il Nano e Cicchitto), feroci carneadi della bassa (tipo la Gelmini), ex-tutto (tipo Bondi e ancora Cicchitto) è già brutto in sé. Ma sentirli parlare di riforme, di costituzione, di testamento biologico, di rapporti con la chiesa, di immigrazione, di sicurezza, di polizia e forze armate è davvero disturbante.
Addirittura, a vedere il telegiornale in compagnia, ho notato un palpabile imbarazzo fra i presenti, non si sa davvero che dire… Un po’ come quando ti fanno vedere i corpi di bambini dilaniati da bombe intelligenti, americane o israeliane, a seconda delle stagioni…
Che dire? Prendiamola con ottimismo… read more

Animalismi

quarti di bue

Non c’è giorno che passa che sulle versioni online dei principali quotidiani non ci sia una notizia sugli animalisti che manifestano da qualche parte. Oggi le foche, giorni fa le pellicce in generale, forse, se non fa troppo freddo, le balene. Eh sì… Perché loro manifestano nudi… Il motivo banale è perché con i vestiti addosso non se li inc…, pardon, non se li fila nessuno.

E infatti i principali quotidiani, mica passano la notizia della protesta e delle sue motivazioni (legittime, condivisibili, ma ormai decisamente perdenti). Nooo, per carità!
La relegano fra i servizi fotografici, che sono lì apposta per solleticare i voyeurismi del navigatore impiegatizio e solitario. read more

Il coraggio dell’approssimazione

fagioli

Non parlo quasi mai di lavoro sul blog. Un po’ perché non mi va, un po’ perché prima o poi vorrei raccogliere la mie pensate lavorative in un altro blog tematico. L’idea c’è, la voglia ancora no.

Alcune antiche riflessioni risalenti ai miei primi mesi di lavoro nel lontano 1998, in un posto molto lontano da qui, mi sono tornate in mente in questi giorni di assenza forzata.

Supponiamo che venga fatta una domanda che ha per risposta un numero. Magari un numero non immediato. Ad esempio, quanto è stato il fatturato aziendale nel 2007? A parte il sempre valido “Boh“, ci sono due approcci possibili alla risposta. read more

How does it feel?

Rooms 4 tourists
Edward Hopper – Rooms for tourists, 1945

La malattia (si fa per dire) spinge all’autocommiserazione e, di conseguenza, all’autoreferenzialità. Quindi, eccomi qui con un altro aggiornamento sui miei acciacchi.

Innanzitutto i fatti. Il dottore della mutua (detto anche medico di base) non ha voluto sentire ragioni ("Solo al ristorante si chiede, qui se ti voglio dare 15 giorni te li prendi e basta!", pure un po’ incazzato, forse perché non l’abbiamo coinvolto sulla cosa dal day-one…). E così a casa per 15 giorni. Probabilmente ha fatto bene ed era per il mio bene, comunque 2 palle, rientrerò il 6 aprile al lavoro. Per la gioia dei tassinari, immagino. read more